Agnes Waterhouse conosciuta anche come Mother Waterhouse , fu la prima strega condannata e uccisa per stregoneria nell’antica Inghilterra.

Durante il XVI secolo in Inghilterra le persone erano affascinate e terrorizzate dalla stregoneria. Da un lato, da quando Enrico VIII divenne capo della Chiesa anglicana, l’inquisizione cattolica non ebbe potere in Inghilterra. Tuttavia, la stregoneria era ancora vietata e severamente punita. Il primo processo preliminare registrato per stregoneria ebbe luogo nel 1441. In quel processo, la Duchessa di Gloucester, Eleanor Cobham, fu accusata di impiegare un mago di nome Roger Bolingbroke e una saggia di nome Margery Jourdemayne per uccidere Enrico VI con la stregoneria. Entrambi sono stati giudicati colpevoli – in gran parte per mettere in guardia gli altri contro tali pratiche. Roger fu condannato per alto tradimento e impiccato, tirato e diviso in quarti. Margery fu bruciata a Smithfield come eretica o traditrice.


Agnes Waterhouse fu accusata di aver stregato a morte William Fynne e fu impiccata a Chelmsford in Inghilterra il 29 luglio 1566.

Quando la legge che condannava la stregoneria entrò in vigore, Agnes aveva solo 40 anni.  Era nata nel 1503, durante il regno del cattolico Enrico VII, e fu accusata di stregoneria nel 1566, insieme ad altre due donne: Elizabeth Francis e Joan Waterhouse. Tutte e tre le donne provenivano dallo stesso villaggio, Hatfield Peverel .

Agnes ha confessato di essere stata una grande e potente strega e che il suo familio era un gatto (poteva prendere le sembianze di un rospo) di nome Satana (o Sathan), che originariamente apparteneva a Elisabetta Francesco. Agnes fu processata a Chelmsford, Essex, in Inghilterra, nel 1566 per aver usato la stregoneria per causare malattie a William Fynne, che morì il 1 ° novembre 1565. Fu anche accusata di usare la stregoneria per uccidere il bestiame, causare malattie e causare la morte di suo marito. Anche la figlia diciottenne Joan Waterhouse è stata accusata (ma non dichiarata colpevole) dello stesso crimine. La testimonianza di Joan Waterhouse alla fine aiutò a condannare le altre due donne.

Agnes fu condannata all’impiccagione e divenne la prima strega giustiziata nella storia d’Inghilterra.

Le informazioni del processo di Agnes Waterhouse sono registrate in un opuscolo del 1566 intitolato “L’esame e la confessione di alcuni Wytches a Chensforde nella contea di Essex prima che i giudici di Quenes Maiesties giudicassero il XXVI giorno di luglio del 1566.” L’opuscolo è stato scritto da John Phillips e, sebbene incompleto, delinea le testimonianze delle tre donne accusate di essere streghe. Durante la prima visita erano presenti il reverendo Thomas Cole e Sir John Fortescue . Sir Gilbert Gerard , procuratore della regina, e John Southcote , giudice della panchina della regina, erano presenti per il secondo esame.

Durante il processo, Elizabeth Francis fu esaminata per prima. Ha confessato di possedere il famiglio, un gatto macchiato di bianco di nome Satana. Elizabeth Francis ha ricevuto il gatto da sua nonna, la madre Eva di Hatfield Peverell, che le ha insegnato l’arte della stregoneria quando aveva solo dodici anni. Elizabeth Francis tenne il gatto per quindici o sedici anni, prima di consegnarlo alla Agnes Waterhouse.

Secondo Elizabeth Francis, il gatto le parlò con una strana voce vuota e avrebbe fatto qualsiasi cosa per lei in cambio di una goccia di sangue.

Ha confessato di aver rubato le pecore e di aver ucciso diverse persone tra cui un uomo ricco, Andrew Byles, che non l’avrebbe sposata dopo essere rimasta incinta di suo figlio. Francis ha anche detto che il gatto le ha spiegato quali erbe procurarsi per creare una pozione da bere per interrompere la gravidanza. In seguito, dopo il matrimonio, le confessioni fatte da Elizabeth Francis divennero più crudeli e spietate poichè, i suoi crimini accrebbero a tal punto da non lasciare più spazio all’immaginazione. Elizabeth Francis è stata la prima ad essere accusata, ed è quella che ha accusato per stregoneria Agnes Waterhouse.

Per questa accusa le fu data una pena più leggera, ma venne ugualmente impiccata dopo una seconda condanna, solo tredici anni dopo. Un opuscolo successivo di un processo del 1579 mostra che Elisabetta Francis e Agnes Waterhouse erano sorelle.

Elizabeth Francis diede il gatto, Satana, ad Agnes Waterhouse in cambio di una torta. Secondo quanto riferito, le ha insegnato come eseguire la stregoneria come le era stato precedentemente insegnato da sua nonna,
Mother Eve, dicendole che “deve chiamarlo Satana e dargli il suo sangue e il suo latte come prima“.

Agnes Waterhouse ha confessato di aver fatto uccidere al gatto uno dei suoi maiali per “vedere cosa poteva fare“, prima, dopo aver litigato con i vicini, uccise per vendetta le loro mucche e le loro oche. Tuttavia, a causa dei problemi che il gatto le ha causato, ha detto di averlo tenuto in una pentola foderata di lana e trasformò il suo famiglio in un rospo. Altre fonti raccontano invece che il gatto si era trasformato in un rospo per sua volontà. Agnese negò di essere mai riuscita a uccidere qualcuno con la stregoneria, ma fu giudicata comunque colpevole.

Successivamente, Joan Waterhouse ha testimoniato che una volta ha cercato di “esercitare” il gatto mentre sua madre era uscita di casa. A Joan Waterhouse era stato rifiutato un pezzo di pane e formaggio dal figlio di un vicino, Agnes Brown, e aveva invocato l’aiuto del rospo. Raccontò come il rospo le aveva promesso di aiutarla se avesse ceduto la sua anima, cosa che fece, e così il rospo perseguitò Agnes Brown sotto forma di un cane con le corna. Joan Waterhouse non ha affermato di aver utilizzato i servizi soprannaturali del gatto in larga misura, ma testimoniando la sua esistenza, ha contribuito a condannare le altre due donne.

Le principali prove contro Agnes Waterhouse provenivano dalla vicina dodicenne, Agnes Brown.

Nella sua testimonianza, Agnes Brown descrisse il demone come un cane nero con una faccia da scimmia, una coda corta, una catena e un fischietto d’argento al collo e un paio di corna in testa. Ha detto che nel loro primo incontro le ha chiesto del burro, che lei gli ha rifiutato, quindi il cane – che aveva una chiave per la porta del caseificio – ha aperto la porta e ha preso del burro.

La bambina ha testimoniato che il cane in seguito è tornato per l’ultima volta con un coltello e ha minacciato di ucciderla, dicendo “che mi avrebbe spinto il coltello nel cuore, ma mi avrebbe fatto morire“. La prova più incriminante era il resoconto di Agnes Brown di chiedere al cane chi fosse la sua “dama“, alla quale agitava la testa verso la casa di Agnes Waterhouse.

Il 29 luglio 1566, due giorni dopo la fine del processo, Agnes Waterhouse fu giustiziata con l’impiccagione. In quel momento si pentì e chiese perdono a Dio.

Fra le innumerevoli confessioni ha dichiarato il suo tentativo di mandare il gatto a ferire e danneggiare i beni del suo vicino, il sarto di nome Wardol. Tuttavia, questo fu considerato senza successo perché il Wardol era così forte nella fede da non permettere al male di fare breccia nella sua vita. Interrogata sulle sue abitudini ecclesiali, Agnes Waterhouse disse che pregava spesso, ma sempre in latino perché il gatto le proibiva di pregare in inglese.

La storia ricorda Agnes Waterhouse come una delle streghe più influenti del periodo Tudor. Anche se l’Inquisizione in Europa iniziò le loro tracce e le esecuzioni molto prima, Agnes fu la prima donna a essere messa a morte per stregoneria in Inghilterra.


68 thoughts on “Agnes Waterhouse, la strega dell’Essex

  1. Pingback: online viagra best
  2. Pingback: who makes cialis
  3. Pingback: flagyl refrigerate
  4. Pingback: neurontin zona
  5. Pingback: tamoxifen analysis
  6. Pingback: valtrex allergic
  7. Pingback: lisinopril pdf
  8. Pingback: rybelsus reddit
  9. Pingback: rybelsus pap
  10. Pingback: zoloft jittery
  11. Pingback: depakote er vs dr
  12. Pingback: augmentin es
  13. Pingback: ddavp aventis
  14. Pingback: lexapro vs celexa
  15. Pingback: actos dangers
  16. Pingback: remeron insomnia
  17. Pingback: protonix pricing

Lascia un commento