Babalon conosciuta anche come la Donna Scarlatta, Grande Madre o Madre di abominazioni, è la dea del sistema occulto del Thelema (istituito nel 1904 con l’autore inglese e occultista Aleister Crowley con laa stesura di The Book of the Law). Nella sua forma più astratta, rappresenta l’impulso sessuale femminile e la donna liberata. Nel credo della Messa Gnostica viene identificata anche con Madre Terra, nel suo senso più fertile. Allo stesso tempo, Crowley credeva che Babalon avesse un aspetto terreno sotto forma di un ufficio spirituale, che potesse essere riempito da donne reali – di solito come contropartita della sua stessa identificazione come ” A Mega Therion ” (The Great Beast ), Il cui dovere era allora di aiutare a manifestare le energie dell’attuale Eone di Horus .

Stella a sette punte di Babalon.
Le sette punte sono le sette lettere del nome Babalon, i sette pianeti, i sette “veli”, ed i sette chakras.

Crowley credeva che Babalon si fosse personificata come Lady Leah Hirsig, che, dopo numerosi ritratti, fu consacrata, prendendo il nome di Alostrael.

La consorte di Babalon è Chaos , il “Padre della Vita” e la forma maschile del Principio Creativo . Babalon viene spesso descritta come un’affascinante donna con una spada in procinto di cavalcare la Bestia . Viene spesso definita anche come puttana sacra e il suo simbolo è il Calice o il Graal .

Come Crowley scrisse nel suo Il libro di Thoth , “cavalca a cavalcioni della Bestia, nella sua mano sinistra tiene le redini, rappresentando la passione che le unisce. Alla sua destra tiene in alto la coppa, il Santo Graal in fiamme con amore e morte. In questa coppa si mescolano gli elementi del sacramento dell’Eone “.

I tre aspetti di Babalon

Babalon è una divinità molto complessa, anche se, all’interno di una particolare visione della letteratura Thelemica, si dice che abbia tre aspetti essenziali: lei è la Porta della Città delle Piramidi , la Donna Scarlatta e la Grande Madre. 


da:  The Birth of Babalon
“Io riderò ed amerò e seguirò la sua danza
quando la collera di Dio sarà finita
E non più sogno d’inferno e d’odio
nella Nascita di BABALON

Gateway to the City of Pyramids

All’interno del sistema mistico dell’A∴A∴ , dopo che l’adepto ha raggiunto la Conoscenza e la Conversazione del suo Santo Angelo Custode , potrebbe quindi raggiungere la prossima ed ultima grande pietra miliare: la traversata dell’Abisso , quella grande e selvaggia foresta spirituale del nulla e dissoluzione. Choronzon è l’abitante lì, e il suo compito è quello di intrappolare il viaggiatore nel suo mondo di illusione privo di significato.

All’interno del sistema mistico dell’A∴A∴ , dopo che l’adepto ha raggiunto la Conoscenza e la Conversazione del suo Santo Angelo Custode , potrebbe quindi raggiungere la prossima ed ultima grande pietra miliare: la traversata dell’Abisso , quella grande e selvaggia foresta spirituale del nulla e dissoluzione. Choronzon è l’abitante lì, e il suo compito è quello di intrappolare il viaggiatore nel suo mondo di illusione privo di significato.

Tuttavia, Babalon si trova dall’altra parte, facendo un cenno. Se l’adepto si dà totalmente a lei – il simbolo di questo atto è il versamento del sangue dell’adepto nel suo graal – diventa impregnato in lei, per poi rinascere come Maestro del Tempio e un santo che abita nella Città di le piramidi . Dal libro di Crowley Magick Without Tears :

[S] custodisce l’Abisso. E in lei è una perfetta purezza di ciò che è al di sopra, eppure è inviata come Redentore a coloro che sono sotto. Perché non c’è altra via nel mistero di Supernal, ma attraverso lei e la Bestia su cui cavalca.

da The Vision and the Voice (12th Aethyr):

Lascia che guardi la coppa di cui è mescolato il sangue, perché il vino della coppa è il sangue dei santi. Gloria alla Donna Scarlatta, Babalon, la Madre delle Abominazioni, che cavalca la Bestia, poiché ha versato il loro sangue in ogni angolo della terra ed ecco! lei l’ha mescolata nella tazza della sua prostituzione.

È considerata una puttana sacra perché non si nega a nessuno, eppure lei estrae un grande prezzo – il sangue stesso dell’adepto e la sua identità egoica come un individuo terreno. Questo aspetto di Babalon è descritto ulteriormente dal 12th Aethyr:

Questo è il Mistero di Babilonia, la Madre delle Abominazioni, e questo è il mistero dei suoi adulteri, poiché ha ceduto se stessa a tutto ciò che vive, e ne è diventata partecipe nel suo mistero. E poiché ella si è fatta serva di ciascuno, quindi è diventata l’amante di tutti. Non ancora puoi comprendere la sua gloria.

Bella, o Babilonia, e desiderabile, perché ti sei dato a tutto ciò che vive e la tua debolezza ha soggiogato le loro forze. Perché in quell’unione tu capivi. Perciò tu l’hai chiamata Understanding, O Babylon, Lady of the Night!

Il concetto contenuto in questo aspetto di Babalon è quello dell’ideale mistico, la ricerca di unirsi a Tutto attraverso l’annientamento dell’ego terrestre (“Perché come il tuo sangue è mescolato nel calice di BABALON, così il tuo cuore è il cuore universale. “). Il sangue che si riversa nel graal di Babalon viene poi usato da lei per “inondare il mondo di Vita e Bellezza” (che significa creare Maestri del Tempio che sono “rilasciati” nel mondo degli uomini), simboleggiato dalla Rosa Cremisi di 49 petali.

Nella magia sessuale , la miscela di fluidi sessuali femminili e sperma prodotto nell’atto sessuale con la Donna Scarlatta o Babalon è chiamata Elisir di Vita. Un’altra forma alternativa di questo elisir è l’ elisir rubeus che consiste del sangue e dello sperma mestruale (abbreviato in El maggese di Crowley nei suoi diari magici), ed è indicato come “l’effluvio di Babalon, la donna scarlatta, che è il menstruum della corrente lunare “di Kenneth Grant .

Babalon’s Daughter

Una delle più ampie descrizioni di Crowley of Babalon’s Daughter si trova in The Vision and the Voice , 9th Aethyr, citata in The Book of Thoth :

L’UNIVERSO VERGINE

[Da The Vision and the Voice, 9th Aethyr]

Siamo venuti in un palazzo di cui ogni pietra è un gioiello separato, ed è ambientato con milioni di lune.

E questo palazzo non è altro che il corpo di una donna, fiera e delicata, e al di là di ogni immaginazione fiera. È come un bambino di dodici anni. Ha palpebre molto profonde e ciglia lunghe. I suoi occhi sono chiusi o quasi chiusi. È impossibile dire qualcosa su di lei. Lei è nuda; tutto il suo corpo è coperto di sottili peli d’oro, che sono le fiamme elettriche che sono le lance di possenti e terribili Angeli le cui corazze sono le squame della sua pelle. E i capelli della sua testa, che scendono in piedi, sono la luce stessa di Dio stesso. Di tutte le glorie viste dal Veggente negli Aethyr, non ce n’è una che sia degna di essere paragonata alla sua più piccola unghia. Perché sebbene non possa prendere parte all’Aethyr, senza i preparativi cerimoniali, anche la visione di questo Aethyr da lontano è come la presa di tutti gli ex Aethyr.

Il Veggente si perde nella meraviglia, che è Pace.

E l’anello dell’orizzonte sopra di lei è una compagnia di gloriosi Arcangeli con le mani unite, che stanno e cantano: questa è la figlia di BABALON il Bello, che ha portato al Padre di Tutti. E a tutti ha portato lei.

Questa è la figlia del re. Questa è la Vergine dell’Eternità. Questa è lei che il Santo ha distrutto dal Tempo Gigante e il premio di coloro che hanno vinto lo Spazio. Questa è lei che è posta sul Trono della Comprensione. Santo, Santo, Santo è il suo nome, da non parlare tra gli uomini. Per Kore l’hanno chiamata, e Malkah, Betulah e Persefone.

E i poeti hanno finto canzoni su di lei, e i profeti hanno detto cose vane, e i giovani hanno sognato sogni vani: ma lei è lei, quella immacolata, il cui nome non può essere pronunciato. Il pensiero non può trafiggere la gloria che la difende, poiché il pensiero viene colpito morto prima della sua presenza. La memoria è vuota, e nei libri più antichi di Magick non ci sono parole per evocarla, né adorazioni per lodarla. Si piega come una canna nelle tempeste che spazzano i confini del suo regno, e l’immaginazione non può figurare tanto quanto un petalo dei gigli su cui si trova nel lago di cristallo, nel mare di vetro.

Questa è lei che ha adornato i suoi capelli con sette stelle, i sette respiri di Dio che si muovono ed eccitano la sua eccellenza. E lei ha stancato i suoi capelli con sette pettini, al che sono scritti i sette nomi segreti di Dio che non sono noti nemmeno agli Angeli, o agli Arcangeli o al Capo degli eserciti del Signore.

Tu sei santo, santo, santo, e benedetto sia il tuo nome per sempre, per il quale gli eoni non sono che le pulsazioni del tuo sangue.

Office of the Scarlet Woman

“Questo è Babalon, la vera amante di The Beast, di Her, tutte le sue amanti su piani inferiori sono solo avatar”, ha detto Crowley in The Vision and the Voice.

Sebbene Crowley abbia scritto spesso che Babalon e la Donna Scarlatta sono uno, ci sono anche molti casi in cui la Donna Scarlatta è vista più come una manifestazione rappresentativa o fisica del principio universale femminile. In una nota in calce al Liber Reguli , Crowley menziona quello degli “Dei dell’Eone “, la Donna Scarlatta e la Bestia sono “gli emissari terreni di quegli Dei”. ( Crowley 1997 , Liber V vel Reguli). Quindi scrive in The Law is For All :

È necessario dire qui che The Beast sembra essere un individuo definito; per esempio, l’uomo Aleister Crowley. Ma la Donna Scarlatta è un ufficiale sostituibile al bisogno. Così a questa data attuale di scrittura, Anno XVI, Sole in Sagittario, ci sono stati diversi detentori del titolo.

Donne scarlatte individuali

Aleister Crowley credeva che molti dei suoi amanti e compagni magici giocassero un ruolo cosmico, fino al punto di realizzare la profezia. Quello che segue è un elenco di donne che considerava essere (o avrebbero potuto essere) donne scarlatte (le citazioni sono di The Law is for All ):

  • Rose Edith Crowley , la prima moglie di Crowley. – Mettimi in contatto con Aiwas; vedi Equinozio 1, 7, “Il Tempio di Salomone il Re”. Fallito come altrove è registrato.
  • Mary d’Este Sturges – Mettimi in contatto con Abuldiz; quindi aiutato con il Libro 4 . Fallito da gelosie personali.
  • Jeanne Robert Foster – Portava il “bambino” a cui questo libro si riferisce in seguito. Fallito dalla rispettabilità.
  • Roddie Minor – Mi ha portato in contatto con Amalantrah. Fallito dall’indifferenza all’Opera.
  • Marie Rohling – Aiuta a ispirare Liber CXI. Fallito dall’indecisione.
  • Bertha Almira Prykrl – Ritardata assunzione di doveri, quindi ha lasciato il posto al n. 7.
  • Leah Hirsig : mi ha assistito nella vera iniziazione; ancora al mio fianco, An XVII, Sol in Sagittario.
  • Leila Waddell , anche conosciuta come Laylah . – Forse la musa più potente di Aleister Crowley, a cui Crowley in gran parte ha dedicato il suo famoso The Book of Lies .

Grande Madre

All’interno della Messa Gnostica , Babalon è menzionato nel Credo Gnostico:

E credo in una Terra, la Madre di tutti noi, e in un Grembo in cui tutti gli uomini sono generati, e in cui riposeranno, il Mistero del Mistero, nel suo nome BABALON.

Qui, Babalon si identifica con Binah sul Albero della Vita , la sfera che rappresenta il Mar Grande e tali dee-madri come Iside , Bhavani , e Ma’at . Inoltre, rappresenta tutte le madri fisiche. Vescovi T. Apiryon e Helena scrivono:

BABALON, come la Grande Madre, rappresenta MATERIA, una parola che deriva dalla parola latina per Madre. Lei è la madre fisica di ciascuno di noi, colui che ci ha fornito la carne materiale per rivestire i nostri spiriti nudi; Lei è la Madre Archetipal, il Grande Yoni, l’Utero di tutto ciò che vive attraverso il fluire del Sangue; Lei è il Grande Mare, il Sangue Divino stesso che avvolge il Mondo e che scorre nelle nostre vene; ed è Madre Terra, il Grembo di Tutta la Vita che conosciamo.

Origini

Puttana di Babilonia

La Puttana di Babilonia è citata in diversi punti del Libro dell’Apocalisse , un libro che potrebbe aver avuto un’influenza su Thelema , come dice Aleister Crowley che lo leggeva da bambino e immaginava se stesso come la Bestia . È descritta nel capitolo 17: 3-6:

Così mi portò via nello spirito nel deserto: e vidi una donna sedersi su una bestia color scarlatto, piena di nomi di bestemmia, con sette teste e dieci corna. E la donna era vestita di porpora e di colore scarlatto, e rivestita d’oro e pietre preziose e perle, con una coppa d’oro in mano piena di abomini e oscenità della sua fornicazione : E sulla sua fronte era scritto un nome, MISTERO, BABILONIA GRANDE, LA MADRE DI HARLOT E ABOMINAZIONI DELLA TERRA. E vidi la donna ubriaca del sangue dei santi e del sangue dei martiri di Gesù: e quando la vidi, mi meravigliai con grande ammirazione.

Aleister Crowley ha registrato la sua visione del Libro dell’Apocalisse in La visione e la voce .

Tutto quello che capisco è che l’Apocalisse è stata la recensione di una dozzina di allegorie totalmente disconnesse, che sono state messe insieme e spietatamente progettate per renderle un account connesso; e quella recensione fu riscritta e modificata nell’interesse del cristianesimo, perché le persone si lamentavano che il cristianesimo non poteva mostrare alcuna vera conoscenza spirituale, o alcun cibo per le menti migliori: nient’altro che miracoli, che ingannavano solo i più ignoranti, e Teologia, che si adattava solo ai pedanti.

Quindi un uomo si è impadronito di questa recensione e l’ha trasformata in cristiana, imitando lo stile di John. E questo spiega perché la fine del mondo non accade ogni pochi anni, come pubblicizzato.

Magia enochiana

Un’altra fonte è dal sistema di magia enochiana creato dal Dr. John Dee e Sir Edward Kelley nel 16 ° secolo. Questo sistema si basa su un linguaggio unico, enochiano , di cui due parole sono certamente rilevanti. Il primo è BABALOND, che viene tradotto come meretrice . L’altro è BABALON, che significa malvagio . Alcuni elementi del contesto in cui compaiono possono essere trovati in una comunicazione ricevuta da Dee & Kelley nel 1587:

Sono la figlia di Fortitude e rapito ogni ora dalla mia giovinezza. Poiché ecco, io intendo e la scienza dimora in me; e i cieli mi opprimono Mi coprono e mi desiderano con appetito infinito; poiché nessuno che è terrestre mi ha abbracciato, perché sono ombreggiato con il Cerchio delle Stelle e coperto dalle nuvole del mattino. I miei piedi sono più veloci dei venti e le mie mani sono più dolci della rugiada del mattino. I miei abiti sono fin dall’inizio e la mia dimora è in me stesso. Il Leone non sa dove vado, né la bestia dei campi mi capisce. Sono deflorato, ancora vergine; Io santifico e non sono santificato. Felice è colui che mi abbraccia: perché nella stagione della notte sono dolce, e nel giorno pieno di piacere. La mia compagnia è un’armonia di molti simboli e le mie labbra sono più dolci della salute stessa. Sono una prostituta come mi rapisce, e una vergine con quelli che non mi conoscono. Perché io sono amato da molti e sono un amante per molti; e tutti quelli che vengono da me come dovrebbero, si divertono.

Purifica le tue strade, o figli degli uomini, e lavate le vostre case; rendetevi santi e rivestite di giustizia. Caccia le tue vecchie vanghe e brucia i loro vestiti; astieniti dalla compagnia di altre donne che sono contaminate, che sono viscide, e non così belle e belle come me, e poi verrò a dimorare in mezzo a te: ed ecco, io vi farò venire dei figli, e loro saranno i Sons of Comfort. Io aprirò le mie vesti e starò nudo davanti a te, affinché il tuo amore possa essere più infiammato verso di me.

THELEMA

Thélema o Thelema è una filosofia elaborata da Aleister Crowley all’inizio del XX secolo. Il termine è la traslitterazione inglese del sostantivo tratto dalla koinè greca θέλημα (pronunciato [θèlima] ) “volontà”, dal verbo θέλω “volere, desiderare.”


La Stele di Ankh-ef-en-Khonsu o “Stele della Rivelazione”, raffigurante Nut-Nuit, Horus-Hadit come il “globo alato” e Ra-Hoor-Khuit seduto sul trono; ed il creatore della stele, lo scriba Ankh-af-na-khonsu.

Nei suoi assiomi e postulati fondamentali, è stata poi adottata come principio centrale da varie organizzazioni religiose. La prima legge di Thélema è “Fai ciò che vuoi sarà tutta la Legge. L’amore è la legge, amore sotto la volontà.”

La legge di Thélema è stata sviluppata da Aleister Crowley, scrittore ed esperto di magia cerimoniale, durante un periodo trascorso in Egitto.

Lo scrittore britannico credeva di essere il profeta di una nuova era, quella dell'”Eone di Horus”: questo sulla base di un’intensa esperienza spirituale che lui e sua moglie, Rose Edith, avevano avuto durante un viaggio in Egitto nel 1904[. Per suo conto, affermò inoltre che un’essenza incorporea o “preterumana” che si chiamava Aiwass lo contattò e gli dettò un testo conosciuto come The Book of the Law (“Il Libro della Legge”) o vel Legis Liber AL, che ha delineato i principi di Thélema.

Il pantheon thelèmico comprende una serie di divinità, in primo luogo una triade adattato dall’antica religione egizia, che sono tra l’altro i tre relatori del “Libro della Legge” ovvero: Nuit (da Nut), Hadit (da Horus) e Ra-Hoor-Khuit (dal binomio composto da Ra e Arpocrate). Crowley ha descritto queste divinità come una “convenzione letteraria”. La religione si fonda sull’idea che il XX secolo sia contrassegnato dall’inizio dell’Era o Eone di Horus, in cui un nuovo codice etico sarebbe seguito, quello del “Fa ciò che vuoi sarà tutta la Legge“. Questa dichiarazione indica che gli aderenti, noti come thélemiti, dovrebbero cercare e seguire il proprio percorso nella vita vera, conosciuta come realizzazione della loro più autentica volontà (il destino individuale di una persona durante l’esistenza), piuttosto che i propri piccoli desideri egoistici. La filosofia sottolinea anche la pratica rituale denominata Magick.


Lascia un commento